Scheda di lettura del Modulo 7, Elementi essenziali, di Luciano Rosso e Giorgio Tartara

 

I materiali introduttivi su integrazione dei disabili e TIC sono organizzati in 6 sezioni principali, una di carattere generale, le altre dedicate ciascuna in modo specifico a una diversa area di disabilità.

La sezione di carattere generale riguarda le politiche di integrazione dei disabili nella scuola italiana e gli obiettivi pedagogici e didattici dell’utilizzo delle TIC a vantaggio di tale integrazione. Questi ultimi sono individuati in 7 finalità principali (vedi lo schema associato).

Le  aree specifiche prese in considerazione sono le difficoltà visive, uditive, motorie e d’apprendimento, queste ultime ulteriormente suddivise in problemi di dislessia/disgrafia e discalculia (vedi ancora lo schema associato).

Si evidenziano alcuni “buchi”, solo parzialmente riempiti dagli approfondimenti: scarsi o del tutto assenti sono infatti i riferimenti al tema della comunicazione aumentativa, alle sindromi autistiche e psicotiche, al ritardo mentale, ai disturbi linguistici non riconducibili  alla dislessia evolutiva.

La focalizzazione scolastica e didattica dei materiali, inoltre, non giustifica del tutto l’accentuazione insufficiente, e comunque non omogenea all’interno delle diverse sezioni del documento, delle esigenze di raccordo tra scuola e quotidianità: gioco, comunicazione, lavoro, accessibilità dei servizi sociali e diritti di cittadinanza.

 

Nodi teorici di maggior interesse:

·        la disabilità come una delle diversità che la scuola deve imparare ad accogliere e valorizzare

·        accessibilità universale di artefatti e servizi, autonomia, cittadinanza

·        comunicazione verbale e non verbale, apprendimento del linguaggio e suoi riflessi socio-cognitivi

·        disturbi specifici dell’apprendimento, ritardo mentale e immagine sociale della disabilità

 

Aspetti operativi:

Sono demandati agli approfondimenti e ai laboratori.